View Post

L’irriducibile reciprocità tra composizione e improvvisazione

In Musica e Altri Mondi by Lorenzo Pompeo0 Comments

Accettare ognuno la propria circostanza e, nell’accettarla, trasformarla in una creazione nostra. L’uomo è l’essere condannato a tradurre la necessità in libertà. (José Ortega y Gasset) uando parliamo di compositori e opere, di diversi stili ed epoche, consapevolmente o meno, ereditiamo delle strutture di pensiero per via delle quali la storia della musica classica, nel modo in cui la studiamo, viene …

View Post

Contemporanea VS Elettronica: Capitolo Primo

In Musica e Altri Mondi by Gabriele Toma0 Comments

uesta definizione di musica appare ad oggi l’unica capace di rendere pienamente comprensibili quelli che sembrano gli universi musicali dominanti nell’ambito della musica cosiddetta “colta”. I due differenti modi d’intendere la sperimentazione in seno all’arte musicale, che rappresentano i poli attrattivi di questo trittico di articoli, sono gli universi della musica strumentale contemporanea e quello della musica elettronica, lo stesso …

View Post

Perché alle persone piace Rovazzi e non Stockhausen?

In Musica e Altri Mondi by Francesco Bianchi9 Comments

er quale motivo la musica classica contemporanea viene avvertita come una forma d’arte incomprensibile e criptica? Perché è oggi per la maggior parte del pubblico qualcosa di difficilmente accessibile, che spesso viene rigettata o al massimo ascoltata come qualcosa di eccentrico e stravagante? Si dovrebbe innanzitutto partire da delle considerazioni sociologiche di ciò che è la musica oggi per come …