View Post

Albéniz nell’Europa di fine Ottocento

In Compositori by Redazione0 Comments

et qu’il n’y a qu’un Albéniz sur terre, digne d’être Albéniz… Gabriel Fauré ella seconda metà dell’Ottocento si cominciò a formare, anche se in modalità del tutto particolari e indipendenti tra un paese e l’altro, una nuova “corrente” musicale, a livello non solo europeo, che prese successivamente il nome di “scuole nazionali”. La figura musicale di un artista come Isaac …

View Post

John Adams il contemporaneo: The Gospel according to the other Mary

In Compositori by Matteo Macinanti0 Comments

on chiederci la parola che squadri da ogni lato…”: se tante volte appare scolastica e pedante la smania di affibbiare ad un autore un aggettivo che tenti, inutilmente, di racchiudere e circoscrivere il suo operato artistico, questa volta il lettore dovrà perdonare tale contravvenzione. Al termine della nostra chiacchierata con John Adams nel camerino dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia ci è …

View Post

Scendere dal podio: una retrospettiva su Bernstein, l’uomo

In Compositori by Filippo Simonelli0 Comments

a pagina di Wikipedia dedicata a Leonard Bernstein si apre con un aforisma del filosofo Carlo Serra, che lo descrive come «[…] il più grande pianista tra i direttori, il più grande direttore tra i compositori, il più grande compositore tra i pianisti […].», una frase che rende bene l’idea di quel che Bernstein è stato nell’immaginario collettivo. Un genio …