View Post

Musica come “Versöhnungswerk”, opera di riconciliazione: Il Doppio Concerto di Brahms

In Compositori by Michela Marchiana0 Comments

orreva l’anno 1887 quando, nella sua dimora estiva a Thun, Johannes Brahms si accingeva a scrivere la sua «folle, ultima composizione», il Doppio Concerto per violino e violoncello in La minore op. 102, o almeno così sosteneva lui stesso. Per fortuna dei posteri, ma anche dei suoi contemporanei, non fu la sua ultima composizione. Non fu il solo caso di …

View Post

Joseph Joachim, il destinatario prediletto dell’Ottocento

In Musica da Camera by Redazione0 Comments

pesso sotto i titoli di grandi composizioni musicali si legge un nome che non è quello del compositore, ma quello di un destinatario al quale viene dedicata l’opera. E se non lo si trova lì sulla prima pagina è facilmente reperibile nelle biografie dei compositori stessi. Uno dei nomi più ricorrenti  nelle dediche delle opere per violino dell’Ottocento  è  quello …

View Post

“Muß es sein?” “Es muß sein!”

In Compositori by Michela Marchiana0 Comments

Correva l’anno 1798, e un 28enne Ludwig Van Beethoven entrava nella peggiore delle sue crisi esistenziali. I dissidi e i disagi interiori tormentavano il compositore, che prese le distanze dal mondo che lo circondava, trovando consolazione solamente, ma nemmeno sempre, nel suo genio, nella composizione, nella musica.