View Post

«Il concerto sono io». Liszt e le parafrasi per pianoforte, oltre moda e virtuosismo

In Compositori by Willy Bettoni0 Comments

e parafrasi e le trascrizioni occupano una parte molto rilevante nel catalogo delle opere di Liszt. Molto spesso sono pagine di altissimo livello; altre volte si appiattiscono verso il semplice pezzo virtuosistico di scarso interesse musicologico. Bisogna però ricordare che abbiamo a che fare con un corpus che si aggira intorno alle 350 opere, quindi qualche piccola caduta di stile …

View Post

“Tutto nel mondo è burla”: il nichilismo gioioso di Verdi

In Compositori by Francesco Bianchi1 Comment

Il congedo, l’addio, è sempre un momento decisivo in momento artistico. Si cerca sempre trovare per le conclusioni delle formule efficaci, che riescano a condensare bene un concetto in maniera potente, in modo da lasciare un’impronta. In particolare i finali hanno la capacità a volte di generare un fenomeno che con un francesismo si potrebbe dire d’apres coup, cioè creano …

View Post

Appunti in corso d’Opera: Otello, Del Monaco e la mutevole perfezione di un capolavoro italiano

In Eventi by Federico Pariselli0 Comments

Vi è una data, quella del 21 Giugno 2017, e un teatro, la Royal Opera House, in cui l’Otello verdiano andrà in scena per la prima volta interpretato dal discusso (nel bene e nel male, s’intende) tenore Jonas Kauffman nei panni del Moro, con Maria Agresta come Desdemona e Ludovic Tézier nella parte di Jago. Sul podio Antonio Pappano. Opera …