View Post

Wozzeck, guardare dentro l’abisso

In Opera by Roberto Imparato0 Comments

In una registrazione risalente al 1949 e resa pubblica dall’Arnold Schoenberg Center, l’ultrasettantenne compositore (trasferitosi da anni negli USA a causa della promulgazione della leggi antisemite e della persecuzione che vi conseguì) parla in inglese del suo pupillo più famoso: Alban Berg. Lo descrive come un giovane uomo “molto alto ed estremamente timido”. Così deve essergli apparso quando si presentò …

View Post

Absolutely nothing

In Compositori by Roberto Imparato0 Comments

Avventurarsi in territori sconosciuti implica spesso uscire dai ranghi, rompere le file e gli schemi usuali nei quali da sempre l’abitudine ci ha imbrigliati. È rischioso, certo, ma nondimeno è tratto comune all’uomo e alle specie animali subire di quando in quando il fascino dell’ignoto. “Cosa resta di un viaggio nei deserti americani? La luce accecante, la polvere, le ghost …

View Post

La musica della fine del mondo

In Recensioni by Roberto Imparato2 Comments

“So ist der Leib zwar tot, aber der Geist ist das Leben” [anche se il corpo è morto, lo spirito è vita] Citazione di Lutero dai Blaue Schreibhefte, i quaderni blu su cui Strauss prendeva appunti Sul finire del 1944 le sorti della guerra sembrano già inesorabilmente tracciate. Gli alleati si apprestano a lanciare, in Ardenne, l’ultima, drammatica controffensiva alla …