View Post

Meno grigi, più Verdi: spiegare l’Italia agli italiani

In Recensioni by Emanuela Borghi0 Comments

he Giuseppe Verdi sia il più grande compositore italiano, autore dei più noti melodrammi al mondo, lo dice qualsiasi manuale di storia della musica e qualsiasi melomane, ma che sia stato un antropologo, un “Lévi Strauss padano”, lo scrive solo Alberto Mattioli nel suo Meno grigi, più Verdi. Come un genio ha spiegato l’Italia agli italiani. L’autore, che ben conosce …

View Post

Ricostruire il suono antico: i “duoi organi” di Monteverdi

In Musica Antica by Emanuela Borghi0 Comments

   a Il Corago, o vero alcune osservazioni per metter bene in scena le composizioni drammatiche è tratta questa indicazione, che pone in un rapporto mimetico l’organo con le canne di legno e la voce umana. Questo testo della metà del diciassettesimo secolo risulta essere una delle fonti privilegiate del progetto di ricostruzione di due organi con canne di legno aperte, …

View Post

La nascita dello stile di Mozart nel rapporto fra voce e strumento

In Compositori by Emanuela Borghi0 Comments

  apire cosa renda un capolavoro tale è una questione che ha attraversato la storia dell’estetica occidentale. Al di là di ogni tentativo di stabilire un parametro tecnico per distillare le caratteristiche fondamentali di un capolavoro, sono sempre risultate ineffabili. Tuttavia, ascoltando le opere di Wolfgang Amadeus Mozart, è impossibile non notare che un aspetto le lega tutte e le …